Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
EAHC Health Programme

La Commissione Europea (in data 28 dicembre 2009) ha adottato il piano di lavoro 2010 per l’attuazione del secondo programma di azione comunitaria in materia di salute pubblica (2008-13), che mira ad integrare, sostenere e conferire un valore aggiunto alle politiche degli Stati membri e a fornire un contributo all’accrescimento della solidarietà e della prosperità nell’Unione Europea. Il programma ha i seguenti temi:

1)     Migliorare la sicurezza sanitaria dei cittadini

2)     Promuovere la salute, anche riducendo le disparità sanitarie

3)     Generare e diffondere informazioni e conoscenze sulla salute

Il programma mira a promuovere sinergie con altri programmi comunitari attivi nel settore salute, in particolare con il tema “Health” del VII°PQ.

Seminario 7 e 8 febbraio 2010

L’agenzia Esecutiva per il programma di sanità pubblica (EAHC) organizza un seminario informativo e formativo per tutti coloro che intendono presentare un progetto nell’ambito del presente programma, nelle giornate del 7 e 8 febbraio p.v.. Le iscrizioni al seminario devono essere effettuate entro e non oltre il giorno 22 gennaio p.v.

Programma del seminario:

http://ec.europa.eu/eahc/documents/health/short_training_programme_for_web_final_6JAN10.pdf

Scheda di iscrizione:

http://ec.europa.eu/eahc/health/workshop_registration.html

MECCANISMI DI FINANZIAMENTO

Invito a presentare proposte per progetti: tutti i progetti dovrebbero fornire un elevato valore aggiunto europeo ed essere innovativi nelle loro caratteristiche. Di norma i progetti non dovrebbero durare più di tre anni. L’impatto previsto di un progetto dovrebbe essere misurato attraverso adeguati indicatori, di preferenza l’indicatore sugli anni idi vita in buona salute. Eventualmente Si potranno accludere informazioni sulle modalità con le quali si tiene conto della dimensione del genere e delle diseguaglianze in campo sanitario. Tutte le proposte devono all’occorrenza dimostrare sinergie con le attività di ricerca in corso, finanziate nell’ambito delle tematiche della sanità e delle tematiche connesse del settimo programma quadro di ricerca. Vista la natura complementare e incentivante delle sovvenzioni comunitarie, almeno il 40 % dei costi del progetto deve essere finanziato da fonti diverse. Il normale contributo finanziario dovrà pertanto coprire al massimo il 60 % delle spese rimborsabili per ciascun progetto considerato. Per ogni caso sarà determinata la percentuale massima da concedere. Sarà possibile prendere in considerazione un contributo comunitario massimo dell’ordine dell’80 % delle spese rimborsabili per ciascun beneficiario (vale a dire per ciascun beneficiario principale e per ciascun beneficiario associato) nel caso in cui una proposta risulti di utilità eccezionale, come specificato al punto 3.1. Un contributo comunitario superiore al 60 % potrà essere erogato a non più del 10 % dei progetti finanziati. 

2010 Call for proposals for Projects http://ec.europa.eu/eahc/documents/health/calls/2010_CALL_TEXT_PROJECTS.pdf

 Guide for applicants http://ec.europa.eu/eahc/documents/health/calls/PROJECTS_2010_GUIDE.pdf

 Inviti a presentare offerte: Gli inviti a presentare offerte verranno pubblicati nella Gazzetta ufficiale indicativamente durante il primo semestre del 2010.

 Azioni comuni: Determinate azioni potranno usufruire di un finanziamento in qualità di azioni congiunte della Comunità e di uno o più Stati membri, ovvero della Comunità e delle autorità competenti di altri paesi che partecipano al programma. I paesi partecipanti saranno invitati a presentare proposte di azioni congiunte che siano state esplicitamente identificate. I contributi comunitari possono essere assegnati solo a un ente pubblico o a un ente senza fini di lucro designato dallo Stato membro o dalla competente autorità interessata. Le azioni congiunte saranno aperte alla partecipazione di tutti gli Stati membri e di altri paesi partecipanti al programma. Il contributo comunitario non supererà il 70 %. I casi eccezionali si applicano per azioni congiunte che:

— rispondono ai criteri per l’utilità eccezionale (par. 3.1 Work programme 2010) e

— consistono nella partecipazione di organizzazioni provenienti da almeno 10 paesi partecipanti o nella partecipazione di organizzazioni di tre paesi partecipanti, qualora l’azione sia proposta da un’organizzazione di uno Stato membro che ha aderito all’Unione europea dopo il 1o maggio 2004, ovvero da un paese candidato.

 2010 Call for proposals Joint Actions

http://ec.europa.eu/eahc/documents/health/calls/2010_CALL_TEXT_JOINT_ACTIONS.pdf

 Guide for applicants

http://ec.europa.eu/eahc/documents/health/calls/JOINT_ACTIONS_2010_GUIDE.pdf

 Conferenze nel settore della sanità pubblica e della valutazione del rischio: Per ragioni amministrative tutte le conferenze ammissibili al cofinanziamento, devono svolgersi durante il 2011.

 Un contributo finanziario della Comunità può essere concesso per l’organizzazione di conferenze che:

— corrispondano direttamente a uno dei temi;

— hanno una dimensione a livello dell’UE, con partecipanti provenienti da almeno 10 paesi che partecipano al secondo programma in materia di salute pubblica;

— sono organizzate da un ente pubblico o da un ente senza scopo di lucro, con sede in uno dei paesi partecipanti al secondo programma in materia di salute pubblica, e possiedono un’esperienza pertinente in materia di cooperazione a livello UE.

I criteri per la concessione di un sostegno finanziario ad organizzazioni europee per l’organizzazione di conferenze sono elencati nell’allegato VI del Work Programme 2010. Le conferenze prescelte possono beneficiare di un contributo da parte della Comunità per un importo massimo di 100.000 EUR (al massimo il 50 % del bilancio della conferenza). Ciascuna sovvenzione accordata può essere utilizzata per finanziare un massimo di due conferenze. Le conferenze dedicate a uno spettro molto ampio di diversi temi sanitari, o dotate di elevata rilevanza politica, o che coinvolgono un numero elevato di organizzazioni e un vasto pubblico, a titolo eccezionale possono beneficiare di un contributo da parte della Comunità per un importo massimo di 200.000 EUR.

 2010 Call for proposals Conferences

http://ec.europa.eu/eahc/documents/health/calls/2010_CALL_TEXT_CONFERENCES.pdf

 Guide for applicants

http://ec.europa.eu/eahc/documents/health/calls/CONFERENCES_2010_GUIDE.pdf

Per informazioni e chiarimenti rivolgersi a:

 

Laura Vlacci, laura.vlacci@unimib.it

Federica Dainotti, federica.dainotti@unimib.it

Area della Ricerca, Settore Finanziamenti alla Ricerca, Ufficio finanziamenti europei e internazionali.


  
Nessun approfondimento presente per questa pagina
© 2005-2016 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
- ultimo aggiornamento di questa pagina 18/01/2010